Riflesso sulla tromba

CD "Three Notes" Aldo Bassi Metal Jazz Trio

Data:

aldotrp@gmail.com

Info e descrizione: per acquistare il cd "THREE NOTES" del Metal Jazz trio o per richieste concerti, scrivere a: aldotrp@gmail.com

Biography

Foto di Aldo Bassi

Ha iniziato l'attività jazzistica suonando nelle migliori orchestre di Roma, da quella di Bruno Biriaco, a quella di Alberto Corvini e molte altre. Nel 1992 ha costituito con Rosario Giuliani, il "Bassi-Giuliani Quintet" con il quale ha inciso nel 96 il cd "L'Incontro". Nel 1998 ha formato l' "Aldo Bassi Quartet", progetto che prevede solo composizioni jazzistiche originali con il quale ha inciso nel 1999 il cd "Distanze". Nel maggio 2001 ha realizzato con il suo quartetto il cd "Muah!" pubblicato nel 2004 con due ospiti d'eccezione: Rick Margitza e Antonello Salis. Nel 2004 è stato chiamato a far parte dell'Orchestra Nazionale Italiana di Jazz. Nel 2005 è stato chiamato a far parte della "PMJO" Parco Della Musica Jazz Orchestra dell'Auditorium di Roma diretta da Maurizio Giammarco, che lo ha visto impegnato in concerti in tutto il mondo. Nel corso della sua carriera ha collaborato alla realizzazione di numerose colonne sonore per il cinema e la televisione con i migliori maestri italiani quali: E. Morricone, P. Piccioni, R. Serio, M. De Sica ecc...

Insegnamento:

Ha insegnato per anni allo I.A.L.S. (corsi per professionisti sovvenzionati dalla Regione Lazio), al S. Louis di Roma, all'Accademia Romana di Musica ed in altre scuole di Roma.

Dal 2004 insegna tromba e trombone jazz, e musica d'insieme jazz al conservatorio di Frosinone. Ha diretto per anni la S. Louis Big Band e la Daila Big Band di Roma.

Attualmente insegna jazz al conservatorio di Benevento.

Numerose le partecipazioni in qualità di docente di tromba jazz e musica d'insieme jazz alle masterclass organizzate da Tuscia in Jazz e da La Spezia Jazz.

Collaborazioni:

Franco e Dino Piana, Oscar Valdambrini, Tullio De Piscopo, Tony Scott, Maurizio Giammarco, Roberto Gatto, Gianni Savelli, Enrico Rava, Donald Harrison, Gary Bartz, Steve Turre, Steve Grossman, George Garzone, Benny Golson, Rick Margitza, Kenny Wheeler, Norma Winston, Mike Stern, Uri Caine, Maria Schneider ecc...

Festival:

Umbria Jazz 88-92-93-06-07, Tagliacozzo Jazz, Jazz & Image molte volte, Pisa Jazz, Monaco Jazz Fest., Terracina Jazz varie volte, Anzio Jazz, Latina Aprile Jazz, Bussi Jazz, Termoli Jazz, Malta jazz, Celano Jazz, Alberobello jazz, Sannio Jazz, Roccella Jonica Jazz, Atina Jazz, Berchidda Jazz, Barcellona Jazz festival, Linz Jazz festival, Italian Jazz Festival di Buenos Aires, North Sea Jazz Festeval, Nantes jazz festival ecc...

Discografia a nome proprio:

SOLOAldo Bassi2012INDIPENDENTE
New ResearchAldo Bassi Quartet2010INDIPENDENTE
SIRIOA. Bassi - A. Bravo Duo2007EFFEMUSIC
MUAH!Aldo Bassi Quartet2004CONCERTONE
DISTANZEAldo Bassi Quartet2000SURABAYA MUSIC
L'INCONTROBassi-Giuliani Quintet1996COCCINELLA

Titoli di studio:

  • Diploma di Tromba presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma;
  • Diploma di II livello in discipline musicali di Tromba classica presso il Conservatorio di Campobasso;
  • Diploma di Jazz presso il Conservatorio di Frosinone;
  • Diploma di II livello in discipline musicali di Jazz presso il Conservatorio di Campobasso.

He began his jazz career playing in the best orchestras in Rome, that of Bruno Biriaco, the Alberto Raven one and many others. In 1992 he formed with Rosario Giuliani, the "Bassi-Giuliani Quintet" with whom he recorded, in 1996, the album "L'Incontro". In 1998 he formed the "Aldo Bassi Quartet", the project features only original jazz compositions with which, in 1999, he recorded the CD "Distanze". In May 2001, with his quartet, he composed the album​​ "Muah!", published in 2004 with two special guests: Rick Margitza and Antonello Salis. In 2004 he became a member of the Italian National Jazz Orchestra. In 2005 he took part in the "PMJO" Parco Della Musica Jazz Orchestra of Rome's Auditorium, conducted by Maurizio Giammarco, with which he played all over the world. During his career he participated in the making of various cinema and TV soundtracks with the best Italian masters such as E. Morricone, P. Piccioni, R. Serio, M. De Sica etc…

Teaching:

He taught for years at the I.A.L.S. (courses for professionals subsidized by the Italian region of Lazio), at the S. Louis in Rome, at the Roman Academy of Music and in other schools of Rome.

Since 2004 he teaches trumpet, jazz trombone and jazz ensemble at the Conservatory of Frosinone where, since 2007, he teaches jazz trumpet, jazz composition, jazz orchestration and jazz orchestra practice. Moreover he conducted for years the S. Louis Big Band and the Daila Big Band of Rome.

As professor of jazz trumpet and jazz ensemble, he participated many times in the master classes organized by Tuscia in Jazz and La Spezia Jazz.

Partnerships:

Franco and Dino Piana, Oscar Valdambrini, Tullio De Piscopo, Tony Scott, Maurizio Giammarco, Roberto Gatto, Gianni Savelli, Enrico Rava, Donald Harrison, Gary Bartz, Steve Turre, Steve Grossman, George Garzone, Benny Golson, Rick Margitza, Kenny Wheeler, Norma Winston, Mike Stern, Uri Caine, Maria Schneider, Bill HolmanFano Jazz etc...

Festivals:

Umbria Jazz (1988-1992-1993-2006-2007), Tagliacozzo Jazz, Jazz "Image (many times), Pisa Jazz, Monaco Jazz Fest., Terracina Jazz (many times), Anzio Jazz, Latina Aprile Jazz, Bussi Jazz, Termoli Jazz, Malta jazz, Celano Jazz, Alberobello Jazz, Sannio Jazz, Roccella Jonica Jazz, Atina Jazz, Fano jazz, Berchidda Jazz, Barcellona Jazz festival, Linz Jazz festival, Buenos Aires Italian Jazz Festival, North Sea Jazz Festival, Nantes jazz Festival etc...

Discography under his own name:

SOLOAldo Bassi2012INDEPENDENT
New ResearchAldo Bassi Quartet2010INDEPENDENT
SIRIOA. Bassi - A. Bravo Duo2007EFFEMUSIC
MUAH!Aldo Bassi Quartet2004CONCERTONE
DISTANZEAldo Bassi Quartet2000SURABAYA MUSIC
L'INCONTROBassi-Giuliani Quintet1996COCCINELLA

Educational Qualification:

  • Diploma in Trumpet obtained at the Santa Cecilia Music Conservatory in Rome;
  • Second Level Diploma in music disciplines for Classical Trumpet obtained at the Conservatory of Campobasso;
  • Diploma in Jazz obtained at the Conservatory of Frosinone;
  • Second Level Diploma in jazz music disciplines obtained at the Conservatory of Campobasso;

Il commence son activité de jazzman en jouant dans les meilleurs orchestres de Rome, celui de Bruno Biriaco, celui de Raven Alberto et bien d'autres. En 1992, avec Rosario Giuliani il crée le "Bass-Giuliani Quintet" avec lequel, en 1996, il enregistre le disque intitulé "La Réunion". En 1998, il forme le "Aldo Bassi Quartet", un projet qui prévoit seulement des compositions originales de jazz et avec lequel, en 1999, il enregistre le disque «Distances». En mai 2001, il réalise le disque "Muah!", publié en 2004 avec deux invités spéciaux tels que Rick Margitza et Antonello Salis. En 2004, il fait partie de l'Orchestre National de Jazz italien. En 2005, il fait partie de la "PMJO", Parque De la Musique Jazz Orchestre de l'Auditorium de Rome, dirigé par Maurizio Giammarco, avec lequel il a joué partout dans le monde. Au cours de sa carrière, il a participé à la réalisation de nombreuses bandes originales pour le cinéma et la télévision avec les meilleurs maîtres italiens tels que E. Morricone, P. Piccioni, R. Serio, M. De Sica, etc...

Enseignement:

Pendant plusieurs années, il a enseigné à l'école I.A.L.S. (Cours pour professionnels subventionné par la Région du Latuim) à la S. Louis de Rome, à l'Académie Romaine de musique et à d'autres écoles de Rome.

Depuis 2004, il enseigne la trompette et le trombone jazz et la musique jazz d'ensemble au Conservatoire de Frosinone. Depuis 2007, il enseigne la trompette jazz, la composition jazz, l'orchestration, le jazz et la pratique d'orchestre de jazz. Pendant des années il a dirigé la S. Louis Big Band et la Daila Big Band de Rome.

Il a participé à de nombreuses reprises comme professeur de trompette jazz et de musique d'ensemble aux cours de maître organisés par Tuscia in Jazz et La Spezia Jazz.

Collaborations:

Franco et Dino Piana, Oscar Valdambrini, Tullio De Piscopo, Tony Scott, Maurizio Giammarco, Roberto Gatto, Gianni Savelli, Enrico Rava, Donald Harrison, Gary Bartz, Steve Turre, Steve Grossman, George Garzone, Benny Golson, Rick Margitza, Kenny Wheeler , Norma Winston, Mike Stern, Uri Caine, Maria Schneider, Bill HolmanFano Jazz etc...

Festivals:

Umbria Jazz (1988-1992-1993-2006-2007), Tagliacozzo Jazz, Jazz "Image (plusieurs fois), Pisa Jazz, Monaco Jazz Fest., Terracina Jazz (plusieurs fois), Anzio Jazz, Latina Aprile Jazz, Bussi Jazz, Termoli Jazz, Malta Jazz, Celano Jazz, Alberobello Jazz, Jazz Sannio, Roccella Jonica Jazz, Atina Jazz, Fano Jazz, Berchidda Jazz, Barcelona Jazz Festival, Linz Jazz festival, Buenos Aires Italian Jazz Festival, North Sea Jazz Festeval, Nantes Jazz Festival etc...

Discographie sous son nom propre:

SOLOAldo Bassi2012INDÉPENDANT
New ResearchAldo Bassi Quartet2010INDÉPENDANT
SIRIOA. Bassi - A. Bravo Duo2007EFFEMUSIC
MUAH!Aldo Bassi Quartet2004CONCERTONE
DISTANZEAldo Bassi Quartet2000SURABAYA MUSIC
L'INCONTROBassi-Giuliani Quintet1996COCCINELLA

Qualifications:

  • Diplôme de trompette au Conservatoire de Santa Cecilia à Rome;
  • Diplôme de second cycle de disciplines musicales de trompette classique obtenu au Conservatoire de Campobasso;
  • Diplôme de Jazz au Conservatoire de Frosinone;
  • Diplôme de second cycle de disciplines musicales de jazz obtenu au Conservatoire de Campobasso;

Projects

  • Aldo Bassi Quartet

    Il quartetto, presenta un repertorio di brani originali che stilisticamente si accostano sia al genere europeo che a quello americano, seguendo le trasformazioni che il jazz sta avendo negli ultimi anni. Nei brani sono frequenti tempi dispari e poliritmie, mentre armonie e melodie attingono alla familiarità della musica classica. L'improvvisazione rimane l'elemento forte che completa il "sound" del gruppo.
    Possibilità di ridurre la formazione in trio pianoless, o di ampliarla a quintetto aggiungendo un sax.

    The Quartet features a repertoire of original songs whose style approaches both the European and the American genre, following at the same time the transformations of jazz in the recent years. Odd meters and polyrhythm are frequent in the songs, while harmonies and melodies draw on the acquaintance of the classical music. Improvisation is the key feature that completes the "sound" of the band. At the option of reducing the band in a piano-less trio, or transforming it into a quintet by adding a sax.

    Le quartette présente un répertoire de chansons originales qui abordent à la fois le style européen et américain, en suivant les transformations du jazz de ces dernières années. Dans les chansons, les temps impairs et les polyrythmies sont fréquents, alors que les harmonies et les mélodies puisent dans la familiarité de la musique classique. De toute façon, l'improvisation reste l'élément fort qui complète le «sound» du groupe. Ce qui offre la possibilité de réduire la formation à un trio sans piano, ou de l'étendre à quintette, en ajoutant un sax.

  • Metal Jazz Trio

    Questa formazione voluta da ALDO BASSI e pienamente condivisa sul piano concettuale da PIERPAOLO RANIERI e DARIO PANZA già dal nome fa intendere l'intensione di mescolare il rock con il jazz. Non solo, in realtà proprio la vasta esperienza dei tre virtuosi offre un repertorio più ampio che sa muoversi attraverso differenti generi musicali. L'idea è di mantenere un rapporto stretto con il jazz even eights attuale e di andare così vestiti incontro al suo antagonista di sempre, il rock. Il risultato deve essere una musica energica, che sa stare al passo con i tempi adatta al pubblico jazzistico trasversale. Con questo progetto A. Bassi cerca il dialogo con chi è andato oltre la cultura di un singolo genere e che negli anni ha saputo raffinare le proprie conoscenze musicali attraverso l'ascolto di tutta la musica di qualità che si trova trasversalmente anche nel rock o nel blues. Un pubblico che oggi chiede di più e che non si accontenta di contemplare qualcosa di noto seppur meraviglioso, ma che vuole farsi sorprendere. Il METAL JAZZ TRIO offre questa possibilità.

    Wanted by ALDO BASSI and fully supported on a conceptual level by PIERPAOLO RANIERI e DARIO PANZA, the band has a name which shows the will to combine jazz with rock. Besides, the great experience of the three virtuosos offers a wider repertoire which goes through different music genres. At the base of the project there is the will to maintain a close connection with the current even eights jazz and to meet its historic antagonist, the rock. The result is an energetic music, that knows how to move with the times and suitable for a cross jazz audience. With this project A. Bassi tries to have a dialogue with those who went beyond the culture of a single genre and who, over the years, have been able to refine his musical knowledge by listening to all the high quality music which crosswise concerns rock or blues. Nowadays the audience asks for more, not content to contemplate something popular although wonderful, an audience that wants to be amazed. The METAL JAZZ TRIO offers this possibility.

    Voulue par ALDO BASSI et entièrement soutenue au niveau conceptuel par MARIO RANIERI et DARIO PANZA, cette formation porte un nom qui indique déjà l'intention de mélanger le rock avec le jazz. De plus, la vaste expérience des trois virtuoses offre un plus large répertoire qui sait comment se déplacer à travers les différents genres musicaux. L'idée de base est celle de maintenir une relation étroite avec l'actuel jazz even eights et d'aller ainsi à la rencontre de son adversaire historique, le rock. Le résultat doit être une musique énergique qui sait comment s'adapter au temps et qui sait s'approprier un public transversale de jazz. Avec ce projet A. Bassi cherche le dialogue avec ceux qui sont allés au-delà de la culture d'un seul genre et, au cours des années, il a su affiner ses connaissances musicales au travers de l'écoute de toute la musique de qualité qui se trouve transversalement aussi dans le rock ou dans le blues. Un public qui aujourd'hui demande de plus en plus et qui ne se contente pas de contempler quelque chose de connu, bien que magnifique, mais qui veut se faire surprendre. Le JAZZ TRIO offre cette possibilité.

  • Bassi-Bravo Duo

    Il duo formatosi nel 2005, ha avuto un percorso musicale molto vario. Partendo da un repertorio di brani americani (standard) ha "sconfinato" nella musica classica prendendo brani di autori di elevato spessore quali: Bach, Bartok, Debussy, proposti in chiave jazzistica, per poi interpretare un autore di jazz moderno molto raffinato quale Enrico Pieranunzi. Attualmente il repertorio è formato da brani originali di Aldo Bassi e Alessandro Bravo che stilisticamente si accostano sia al mondo europeo che a quello americano, seguendo le trasformazioni che il jazz sta avendo negli ultimi anni.

    Made up in 2005, the duo followed a multifaceted path. Starting from a repertoire of American songs (standards) it "outreached" the classical music by performing songs of high level authors such as Bach, Bartok, Debussy, arranged for jazz, and by performing a fine author of modern jazz such as Enrico Pieranunzi. At the moment the repertoire is composed by original songs written by Aldo Bassi and Alessandro Bravo that, stylistically approach both the European world and the American one, following the transformations of jazz in the recent years.

    Formé en 2005, le duo a eu un parcours musical varié. A partir d'un répertoire de chansons américaines (standard) il a "dévié" vers la musique classique en prenant des chansons composées par des auteurs de haut niveau tels que: Bach, Bartok, Debussy, proposées dans un style jazz, puis en interprétant un compositeur de jazz moderne très raffiné comme Enrico Pieranunzi. Actuellement, le répertoire est composé de chansons originales d'Aldo Bassi et d'Alessandro Bravo dont le style s'approche à la fois de l'Europe et de l'Amérique, en suivant les transformations du jazz de ces dernières années.

  • Triomalo
    Membri:
    Aldo Bassi tromba
    Flavio Boltro tromba
    Pippo Matino Basso elettrico

    Triomalo

    TRIÓMALO nasce nella primavera del 2011 da un'idea di ITALO LEALI, direttore artistico di Tuscia in Jazz Festival. Quando i musicisti seppero di dover suonare insieme, accolsero l'idea con curiosità e stupore, ma non avrebbero mai immaginato che da un'unione così insolita sarebbe nato un progetto che li avrebbe stimolati a voler tornare insieme su un palco. L'accostamento di uno strumento leader nella musica Jazz come la tromba e uno più moderno come il basso elettrico, creano una strana quanto affascinante alchimia di tradizione e sperimentazione musicale allo stesso tempo. Nonostante l'assenza della batteria come supporto ritmico, le pulsazioni e i groove non mancano. Di trombe ne troviamo due, quella di FLAVIO BOLTRO, uno dei migliori solisti europei che partecipa ai progetti delle più grandi formazioni jazzistiche, e quella di ALDO BASSI musicista top class e autore di molto materiale inedito della band. Completa sapientemente questo trio dal sapore straordinario il bassista elettrico PIPPO MATINO, considerato tra i più originali e creativi del momento, capace di sostenere i due nel continuo scambio di battute con differenti sound miscelati seguendo il filo della sperimentazione.
    Alla formazione può essere aggiunto un batterista.

    Conceived by ITALO LEALI, artistic director of Tuscia in Jazz Festival, TRIÓMALO born in the spring of 2011. When the musicians knew they had to play together, they embraced the idea with curiosity and wonder, but never imagine that such an unusual ensemble would have given birth to a project that would have stimulated them to get back together on stage. The combination of an instrument , leader in jazz music, such as the trumpet and a more contemporary one such as the electric bass, create a bizarre but at the same time fascinating alchemy between tradition and music experimentation. Despite the absence of the drums as a rhythmic support, we find beats and grooves. The trumpets are two, that of FLAVIO BOLTRO, one of the best European soloists which takes part in the biggest jazz bands and the ALDO BASSI one, top class musician and author of much of the unreleased songs of the band. The electric bass player PIPPO MATINO, regarded as one of the most original and creative of the moment, able to support the two musicians in their continuous dialogue with different sounds mixed up following the experimentation, wisely complete this extraordinary trio. A drummer can be added to the band.

    TRIÓMALO naît au printemps 2011 d'une idée de ITALO LEALI, directeur artistique du Tuscia in Jazz Festival. Quand les musiciens apprirent d'avoir à jouer ensemble, ils accueillirent l'idée avec curiosité et émerveillement, mais ils n'auraient jamais imaginé que d'une union si inhabituelle serait né un projet qui les aurait stimulé à vouloir jouer ensemble sur scène. L'association d'un instrument leader dans l'histoire du jazz comme la trompette avec un instrument plus moderne comme la basse électrique, crée une alchimie bizarre et fascinante de tradition et d'expérimentation musicale en même temps. Malgré l'absence de la batterie comme support rythmique, les pulsations et les grooves sont assurés. Il y a deux trompettes, celle de FLAVIO BOLTRO, parmi les meilleurs solistes européens participant aux projets des plus grands ensembles de jazz, et celle de ALDO BASSI musicien top class et auteur de beaucoup de chansons inédites de la bande. Le bassiste électrique PIPPO MATINO complète sagement cet extraordinaire trio, considéré comme un des musiciens le plus original et créatif du moment, capable de soutenir les deux trompettistes dans leur dialogue continu fait de différents sons mélangés, en suivant le chemin de l'expérimentation. Un batteur peut être ajouté à la formation.

  • Foto de 'I Soliti Ignoti Jazz Orchestra'
    Formazione:
    1 soprano
    1 contralto
    1 baritono
    1 clarinetto
    2 sax alto
    2 sax tenore
    1 sax baritono
    3 tromba
    1 trombone
    1 chitarra
    1 pianoforte
    1 contrabbasso
    1 batteria

    I Soliti Ignoti Jazz Orchestra

    I Soliti Ignoti Jazz Orchestra è composta da musicisti molto appassionati che suonano insieme da anni.

    Nel corso del tempo il nome dell'orchestra è cambiato, così come è cambiato l'organico espandendosi o contraendosi a seconda del repertorio fino ad arrivare a raggiungere la formazione attuale.

    Questo nuovo progetto, denominato "I grandi compositori italiani di musica da film", riguarda la musica da film dei grandi compositori italiani, quali Rota, Morricone, Tovajoli, Umiliani e altri…

    Le diverse personalità musicali di questo repertorio mettono a dura prova i musicisti in quanto abbracciano stilisticamente gran parte dell'universo musicale. Gli arrangiamenti sono scritti appositamente per l'organico dell'orchestra e prevedono dei medley riguardanti le musiche di alcuni film che sono le colonne portanti della cultura cinematografica italiana e internazionale.

    Film come I Soliti Ignoti di Mario Monicelli con la musica di Piero Umiliani o Il Padrino di Francis Ford Coppola con la musica di Nino Rota, sono delle vere perle del cinema e le loro colonne sonore sono parte integrante e inscindibile di questi capolavori.

    Translation not available
    Traduction non disponible
  • BoBa Quartet
    Membri:
    Aldo Bassi tromba
    Flavio Boltro tromba
    Leonardo Corradi organo
    Matteo Cidale batteria

    BoBa Quartet

    BOBA Quartet che progetto! Due dei migliori trombettisti italiani, Aldo Bassi e Flavio Boltro con due giovani talenti del jazz Leonardo Corradi all'organo hammond e Matteo Cidale alla batteria. BQ suona brani originali e qualche standard follemente rivisitato.

    Translation not available
    Traduction non disponible
  • Arrighini Bassi Duo

    Il progetto nasce da un'idea di Riccardo Arrighini, pianista toscano che ha fuso Classica e Lirica con il jazz. Puccini, Vivaldi, Chopin, Verdi, Mozart, Wagner e Morricone, sono stati trasformati in jazz sia per piano solo che per formazioni più ampie come trio, 4etto d'archi, 5etto, fino ad orchestra d'archi. E ancora una volta il tema è una sfida: riarrangiare in chiave jazz la canzone italiana degli ultimi 20 anni. Per farlo stavolta opta per il duo con il trombettista romano Aldo Bassi, con cui ha instaurato in brevissimo tempo un sodalizio musicale ed umano di grande spessore e rilievo. Aldo ha subito "capito" lo spirito della cosa e vi ha immediatamente apportato grande personalità, gusto negli arrangiamenti ed il suo modernissimo linguaggio che ne fa sicuramente uno dei più importanti trombettisti sulla scena jazzistica nazionale ed internazionale.

    Il repertorio è basato su brani di grandi "stelle" del firmamento Pop quali: Andrea Bocelli, Zucchero, Gianna Nannini, Matia Bazar, Pino Daniele, Laura Pausini ed altri ancora, oltre ad alcuni originali di entrambe i musicisti. Una miscela molto particolare ed una fusione di colori in cui il pianista viareggino sembra sempre di più ritrovarsi a suo agio, stavolta grandemente ispirato dalla presenza di un artista a lui molto affine.

    Translation not available
    Traduction non disponible
Foto di A. Bravo

Alessandro Bravo (pianista e compositore)

Diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e laureato in jazz con 110 e lode al conservatorio F. Morlacchi di Perugia. Inizia la carriera artistica nel 1998 vincendo la borsa di studio ai corsi invernali di Siena jazz e diventando il pianista del Siena jazz quartet. Ha suonato in prestigiose rassegne: Umbria jazz, Terni in jazz, Ancona jazz, Villa Celimontana (Roma) Jazz in Allen (Monaco) e in importanti jazz club: Alexander Platz (Roma) La palma (Roma) Il Contrappunto (Perugia) La Fontaine (Parigi) Casa del jazz (Roma).

Ha al suo attivo 6 dischi tra cui uno registrato dal vivo da radio 1 (Belgio) all'EUROPEEAN JAZZ CONTEST di Bruxelles dove con il suo trio ha ottenuto il premio speciale della giuria. Ha suonato tra gli altri con: B.Ferra, E.Fioravanti, P.Fresu, A.Gravish, G.Mirabassi, M.Vitous.

Alcune sue incisioni sono state pubblicate in prestigiose compilation quali JAZZ MAGAZINE, JAZZ LOUNGE (Los Angeles USA) e sono state trasmesse da radio nazionali (Radio Rai 1, Radio Tre Suite) ed internazionali (Francia, Belgio, Germania).

Attualmente insegna jazz all'Istituto Musicale Pareggiato "G.Briccialdi" di Terni, la Scuola di Musica Comunale"A.Onofri" di Spoleto ed il Centro Studi Musicali "G:O:Pitoni" di Rieti.

Foto di S. Nunzi

Stefano Nunzi (contrabbasso)

Nasce a Porto S. Giorgio (AP) il 28 Aprile 1974, si diploma in contrabbasso nel 1998 presso il conservatorio G. ROSSINI di Fermo sotto la guida del maestro Alfredo Trebbi.

Contemporaneamente si avvicina al Jazz, che e' la sua grande passione, studiando con Palle Danielsson, Furio di Castri, e Pietro Ciancaglini.

Nel 2000 si trasferisce a Roma dove inizia a suonare in diverse situazioni di stampo Jazzistico collaborando con musicisti come MAURIZIO GIAMMARCO, CARLO ATTI, WALTER BLENDING, VINCENT HERRING, VINCE BENEDETTI, MARIO RAJA, MILCHO LEVIEV, PIETRO LUSSU, MAX IONATA, ENRICO BRACCO, LUCA MANNUTZA, LORENZO TUCCI, EDDY PALERMO, LUCA VELOTTI, TIZIANO RUGGERI, CARLO CONTI. È membro stabile della nuova Big Band di Mario Raja, dell' "Erico Bracco Quintet" e del quintetto "i Conti Ruggeri". Ha accompagnato AMI STEWART nel suo ultimo lavoro teatrale dedicato a Billie Holiday.

Nel 2002 fonda l'NBN TRIO con il chitarrista Enrico Bracco e il batterista Andrea Nunzi, suo fratello, con cui si è esibito in molti teatri e festival Italiani ed ha accompagnato importanti musicisti Italiani ed internazionali.

Ha suonato all'estero in Argentina, Croazia, Sud Africa, Egitto, Svizzera.

Foto di A. Marzi

Alessandro Marzi (batteria e percussioni)

Inizia giovanissimo a studiare pianoforte con i suoi genitori, entrambi pianisti. Si diploma in percussioni presso il Conservatorio di Musica "Santa Cecilia" di Roma sotto la guida di maestri Romano Molinaro, Antonio Buonomo, Giordano Rebecchi. Considerato uno dei più promettenti batteristi della nuova generazione, Alessandro ha al suo attivo numerosi progetti di collaborazione e registrazione con figure prominenti del jazz italiano e internazionale, come Nicola Stilo, Toninho Horta, Eddy Palermo, Bebo Ferra, Charles Davis, Klaus Lessmann, Maurizio Giammarco, Xavier Girotto, Sandro Deidda, Aldo Bassi, Fabrizio Bosso, Scott Reeves, Bill Smith, Cinzia Gizzi, Paolo Tombolesi, Andrea Beneventano, Stefania Tallini, Gianluca Renzi, Pietro Ciancaglini, Karl Potter, Barbara Casini, Rosalia de Souza, Claudia Marss, Tiziana Ghiglioni. Tra le altre collaborazioni di rilievo ricordiamo quelle con gli Acustimantico, la World Youth Orchestra nella tournée italiana del 2002, le orchestre del Conservatorio di Santa Cecilia e del teatro dell'opera, e l'orchestra del DIMI, in occasione di varie produzioni RAI, tra cui il concerto di Capodanno 2002 al Quirinale. Ha partecipato alla realizzazione del metodo didattico "Nati per la batteria" di Antonio Buonomo.

Foto di Pierpaolo Ranieri

Pierpaolo Ranieri (Basso e contrabbasso)

Bassista e contrabbassista, ha collaborato o collabora attualmente in ambito jazz o pop con i seguenti musicisti e artisti: Paola Turci, Marina Rei, Carmen Consoli, Massimo Ranieri, Giorgia, Teresa De Sio, Bungaro, Paolo Di Sabatino trio con Antonella Ruggiero, Fabio Concato, Grazia Di Michele, Mike Stern, Kurt Rosenwinkel, Greg Howe, Bop Mintzer, Bob Franceschini, Paul Gilbert, Robin Eubkans, Massimo Di Cataldo, Silvia Salemi, Mauro Di Maggio, Stefano Zarfati, Simone Patrizi, Enzo De Caro, Giulio Capiozzo, Orlando Jonshon, Joy Garrison, Charlie Cannon, Karl Potter, Alessandro Gwis, Massimo Fedeli, Virtual Dream (con Fabio Cerrone e Lucrezio De Seta), Subzero, Massimo Nunzi, CAB (Con Bruno Marinucci, Marco Rovinelli e Fabrizio Frosi), Bruno Marinucci trio (nel disco in collaborazione con Randy Brecker e Bill Evans), Walter Martino, Giovanni Amato, Stefano Sabatini, Bass Instinct (Con Luca Pirozzi, Marco Siniscalco e Cristiano Micalizzi), Davide Pettirossi, Pier Paolo Ferroni, Pino Iodice, Paolo Innarella, Stefano Micarelli, Massimiliano Rosati, Carolina Brandes, Aldo Bassi, Riccardo Fassi, Fabio Morgera ecc...

Foto di D. Panza

Dario Panza (batteria)

Dopo la laurea triennale di jazz presso il "Conservatorio L. Reficie" di Frosinone, partecipa ai seminari di Bobby Durham, Jimmy Coob. Nell'ambito dei seminari del "Tuscia in Jazz Festival", 2011 e 2012, è assistente del batterista Antonio Sancez (Pat Metheny group) e di Francisco Mela.

Dal 22 agosto 2011 al 22 gennaio 2012 ottiene una borsa di studio che gli permette di seguire, presso il Conservatorio Codarts di Rotterdam, corsi di batteria jazz, percussioni, pianoforte jazz, improvvisazione e composizione. Nel luglio del 2012 si classifica al primo posto al "Festival Internazionale jazz di La Spezia come miglior batterista ed al secondo, con il trio formato da Matteo Prefumo alla chitarra e Pietro Martinelli al contrabbasso.

Ha partecipato a vari festival collaborando con artisti internazionali tra i quali: Tony Monaco, Flavio Boltro, Fabio Zeppetella, Donny Mc Caslin, Scott Colley e Sawn Monteiro.

Foto di R. Arrighini

Riccardo Arrighini (piano)

Riccardo Arrighini è il pianista italiano che ha fuso Classica e Lirica con il jazz. Questa fusione è la sintesi di un lungo percorso affrontato con ciascuno dei 2 generi musicali.

Si è diplomato in piano classico al Conservatorio Boccherini di Lucca con il massimo dei voti ed ha studiato jazz al Berklee College of Music di Boston e si è laureato ai seminari di Siena Jazz.

Dal 2003 al 2007 è stato pianista di Francesco Cafiso, il giovanissimo sassofonista siciliani, con cui incide 3 CD (Philology/Giotto/Cam jazz) e suona nei più importanti Festival del mondo.

Dal 2007 ad oggi elabora la sua "fusione della Classica e Lirica con il jazz" riarrangiando la musica nell'ordine di Puccini, Vivaldi, Chopin, Verdi e "Dr. Classic & R. Jazz" (autori vari, già su CD).

Con questi progetti suona in Italia e in vari paesi esteri quali Giappone, Olanda, Svezia, Inghilterra, Turchia, Brasile, Romania, Russia, Australia, Francia oltre a varie iniziative della Fondazione Puccini di Torre del Lago e di Umbria Jazz.

Attualmente sta uscendo con tre nuovi lavori con Tours in Italia e all'estero: "Effetto Mozart", in piano solo, "Arrighini suona MORRICONE" in ottetto e il suo RICCARDO ARRIGHINI GROUP, col Cd "Immagini" tutto di sue composizioni.

Ha da poco fondato la sua etichetta discografica digitale, la Riccardo Arrighini Production.

Da molti anni è anche apprezzato insegnante con Workshop in tutto il mondo e sta per uscire una serie di videocorsi sul Jazz.

Foto di A. Ariano

Amedeo Ariano (batteria)

Foto di D. rosciglione

Dario Rosciglione (caontrabbasso)

Foto di M. Ionata

Max Ionata (organo)

Live

CD

  • Album:
    Three Notes
    Author:
    Metal Jazz Trio
    Year:
    2013
    #TitleDuration
    01Super Gippo (Bassi)6:00
    02Kill Bean (Ranieri)6:08
    03Giugno 11/12 (Ranieri)8:16
    04EF (Bassi)4:39
    05Tana Buda (Bassi)5:39
    06Porporina (Bassi)6:16
    07Past Years (Bassi)4:50
    08Three Notes (Bassi)7:17
    09Matilda (Bassi)4:54
  • Album:
    Solo
    Author:
    Aldo Bassi
    Year:
    2012
    Photo:
    Facebook
    Buy:
    CD
    iTunes

    Ho voluto realizzare questo cd per immergermi in un mondo da me inesplorato, solo con la tromba. Suonare i brani senza riferimenti ritmici e armonici è come camminare a occhi chiusi. Non è stata un'impresa facile, piuttosto un percorso di approfondimento, sfida e crescita, attraverso il quale celebro i miei 40 anni di vera 'simbiosi' con questo meraviglioso strumento. I brani, di varia natura e periodo, sono stati scelti in base alle mie preferenze, una sorta di my favorite songs e rappresentano il mio personale omaggio ai trombettisti che mi hanno ispirato.
    Inoltre ho voluto inserire alcune mie composizioni scritte in periodi diversi della mia vita artistica a voler sottolineare i momenti per me fondamentali. Gli inizi legati alla tradizione con Blue Split, la fase centrale di svolta stilistica con Muah! e una maggiore maturità artistica con Seconda Vita. Cri Cri rappresenta la voglia di fare ironia e ricordare che la musica è anche divertimento.

    Quaranta anni passati insieme. Passione, sentimenti e emozioni ormai stratificate nella mia anima. Se mi chiedi come sono stati, ti basti sapere che rifarei esattamente tutto. Mi innamorerei di te, verserei sudore nel cercarti, faticherei per tenerti accanto e mi arrabbierei fino a odiarti, senza però smettere di amarti.

    CREDITS

    La Registrazione è stata realizzata nell'Ostello di S. Nicola a Sermoneta e nello studio Mille Note di Latina nel mese di Settembre 2011. Le riprese musicali sono state effettuate volutamente in modo semplice, senza l'utilizzo di strumenti elettronici. In alcuni brani è stato utilizzato soltanto il riverbero naturale della Chiesa sconsacrata dell'Ostello di S. Nicola. Ingegnere del suono Stefano Isola.
    Progetto grafico Cristiana Piraino. Realizzazione grafica Michela Minciarelli.

    RINGRAZIAMENTI

    Un ringraziamento speciale va a Cristiana che mi è sempre vicino in ogni cosa e ha dato un forte contributo alla realizzazione di questo cd. A mia figlia Michela e il mio amico Ildo per avermi aiutato a trasportare le strumentazioni all'Ostello di San Nicola. A Caroline e Anke dell'Ostello di San Nicola, per la gentilezza e l'ospitalità che mi hanno riservato. Infine agli artigiani Angelo e Roberto della G&P Wind Instruments, per aver realizzato una tromba così bella e averla adattata alle mie esigenze.
    Pubblicato nel 2012. Produzione indipendente.

    #TitleDuration
    01A Night in Tunisia (Dizzy Gillespie)3:24
    02Round Midnight (Thelonious Monk)5:11
    03Daahoud (Clifford Brown)2:38
    04The Nearness of You (Hoagy Carmichael)4:51
    05Blue Split (Aldo Bassi)3:10
    06Oblivion (Astor Piazzolla)3:38
    07Muah! (Aldo Bassi)3:36
    08Seconda Vita (Aldo Bassi)4:38
    09Polka Dots and Moonbeams (Jimmy Van Heusen)4:41
    10Cri Cri (Aldo Bassi)4:48
  • Album:
    New Research
    Author:
    Aldo Bassi Quartet
    Year:
    2010
    Label:
    Believe
    Buy:
    CD
    iTunes
    #TitleDuration
    01A Paris7:09
    02Disparo8:42
    03In The Orange6:47
    04New Research8:07
    05Nove Rose7:35
    06Scrupoli Inutili8:19
    07Yes9:11
    08Prismi Funk9:22
  • Album:
    Sirio
    Author:
    Bassi-Bravo Duo
    Year:
    2008
    Label:
    Effemusic
    Buy:
    CD
    #TitleDuration
    01Undici 12 (Aldo Bassi)5:20
    02Pico Pico6:13
    03Belmhir (Aldo Bassi)5:30
    04If I should Lose You6:11
    05Sirio3:42
    06Orazio4:21
    07Dear Tom (Aldo Bassi)5:13
    08I Sogni che (Aldo Bassi)5:25
    09Miky's Smiles (Aldo Bassi)3:29
    10Oblivion6:10
  • Album:
    Muah!
    Author:
    Aldo Bassi Quartet
    Year:
    2004
    Label:
    Jazzing Roma
    Buy:
    CD
    iTunes
    #TitleDuration
    01Muah! (Aldo Bassi)8:27
    02Tango della Torre (Aldo Bassi)9:04
    03Nice Groove (Pino Iodice)7:15
    04I Sogni Che (Aldo Bassi)7:03
    05Still Work (Aldo Bassi)7:20
    06Undici 12 (Aldo Bassi)7:44
    07Siddartha (Aldo Bassi)7:37
    08For 3 Blues (Gianluca Renzi)6:57
  • Album:
    Distanze
    Author:
    Aldo Bassi Quartet
    Year:
    1999
    Label:
    Philology
    Buy:
    CD
    #TitleDuration
    01Dear Tom (Aldo Bassi)6:38
    02Waterfall (Stefano Cantarano)7:01
    03Past Years (Aldo Bassi)7:14
    04Nadir (Aldo Bassi)6:49
    05Reprise (Aldo Bassi)7:47
    06Distanze (Aldo Bassi)7:07
    07Zing (Aldo Bassi)3:54
    08Arabian Desire (Aldo Bassi)7:00
    09La sagra del moscerino (Aldo Bassi)8:22
  • Album:
    L'incontro
    Author:
    Bassi Giuliani Quintet
    Year:
    1996
    Label:
    Coccinella
    Buy:
    CD
    #TitleDuration
    01Brother's Song (Rosario Giuliani)8:25
    02Dicembre (Rosario Giuliani)5:59
    03L'Incontro (Bassi-Giuliani)11:11
    04Guns (Aldo Bassi)6:17
    05My Flower (Rosario Giuliani)8:58
    06Rosy (Aldo Bassi)7:22
    07Winters Page (Rosario Giuliani)4:59
    08New Era (Claudio Colasazza)6:52
    09Eclissi (Aldo Bassi-Rosario Giuliani)4:36
  • Copertina cofanetto
    Cofanetto:
    Aldo Bassi Trilogy
    Author:
    Aldo Bassi
    Cd:
    - Distanze
    - Muah!
    - New Research
    Buy:
    CD
Per costi, offerte e disponibilità clicca qui.

Per acquistare i CD inviare una mail a aldotrp@gmail.com.

DISPONIBILITÀ:

  • Solo Disponibile
  • New Research Disponibile
  • Sirio Disponibile
  • Muah! Disponibile
  • Distanze Disponibile
  • L'Incontro Terminato*

COSTI:

Il costo di ogni CD è di 15,00€.
A ogni ordine vanno aggiunte le spese di spedizione.

OFFERTE:

  • Cofanetto con 3CD: Distanze - Muah! - New Research € 35,00
  • 3 CD a 38,00€ (invece di 45,00€)
  • 4 CD a 50,00€ (invece di 60,00€)
  • 5 CD a 60,00€ (invece di 75,00€)
* A richiesta e costo minore è possibile avere una copia 'semplice' dell'album.

Videos

Guarda gli altri video su Youtube.

Photos

  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
  • Photo
Guarda altre foto su Flickr oppure su Facebook.

Books

Per richiedere maggiori informazioni scrivi qui.

Scores

La musica va vissuta, suonata, ascoltata, scritta e letta.

Qui di seguito vi sono alcuni spartiti scaricabili gratuitamente. Buon uso!

Press

Testata Giornalistica: MUSIC del 14.11.2004 Autore: Francesca Giorgetti Leggi recensione

La musica jazz è in costante evoluzione. La ricerca di vecchi e nuovi linguaggi, senza limitazioni stilistiche, è un grande stimolo per molti jazzisti. Con Muah! Abbiamo seguito questa direzione, ricercando un colore originale nel rispetto delle tradizioni di culture vicine e lontane. Così Aldo Bassi, giovane trombettista romano, con lunga esperienza nelle big band commenta l'album Muha! È il secondo lavoro inciso con la sua formazione Aldo Bassi Quartet: Pino Iodice al piano, Gianluca Renzi al basso, Pietro Iodice alla batteria. E la collaborazione di Rick Margitza al sax e Antonello Salis alla fisarmonica. Un album da ascoltare, molto piacevole e ben suonato. Come commenta nella prefazione dell'album il noto jazzista Stefano Di Battista. "Tutti i musicisti ci offrono in questo cd una musica piena di gioia e sensibilità". Musicalmente, le ispirazioni dichiarate sono il trombettista Tom Harrel - una via di mezzo tra la potenza di Clifford Brown e il lirismo di Chet Baker - Woody Shaw che negli anni '70 e '80 fece da ponte tra l'hard bop e le avanguardie e Kenny Wheeler, dagli anni Settanta uno dei migliori solisti del suo strumento. Muah! Si ascolta in un fiato e alterna con naturalezza momenti sognanti, passionali e di pura evasione. Brani come riusciti stati d'animo.

Testata Giornalistica: Musica Jazz Autore: E.B Leggi recensione

Muah! Questo lavoro rivela il grande talento di Bassi, trombettista dalla straripante creatività e compositore dall'ispirazione multiforme. Il fraseggio arioso, la nitidezza timbrica e le fiammate improvvise lo collocano, seppur indirettamente, sulla scia di Booker Little e del giovane Hubbard. Come autore, partendo da una varietà di metri e atmosfere, con temi che spaziano dal tango a un andamento dispari di derivazione balcanica. La formidabile ritmica (Pino Iodice al pianoforte, Gianluca Renzi al contrabbasso e Pietro Iodice alla batteria) garantisce la giusta flessibilità. Antonello Salis, ospite alla fisarmonica in tre brani, aggiunge gusto solare. In altri quattro il tenorista Rick Margitza rafforza la matrice afroamericana.

Testata Giornalistica: Musica Jazz del 1999 recensione cd Distanze Autore: Gianmario Maletto Leggi recensione

Chi mostra sicurezza nella sua direzione è, in Distanze, Aldo Bassi, trombettista da tempo affermatosi nell’area romana. Usi tromba o flicorno, applichi o no la sordina, mostra le sue notevoli doti solistiche, ma dà anche prova di abilità compositiva (tra l’altro dedicando l’apertura, Dear Tom, al suo ispiratore Harrell). E come leader a formato un saldo quartetto, con il chitarrista Enrico Bracco, il contrabbassista Stefano Cantarano (l’uno e l’altro spesso alla ribalta) e il pulsante batterista Alessandro Svampa, più saltuari interventi di Mario Panzieri a oboe o corno inglese.

Testata Giornalistica: Jazz it 2004 recensione cd Muah! Autore: Francesco Ughi Leggi recensione

Aldo Bassi, musicista estremamente versatile, è da alcuni anni un protagonista della scena jazzistica romana. Dopo aver formato nel 1992, insieme a Rosario Giuliani l’omonimo Bassi-Giuliani Quintet, e dopo una serie di eterogenee collaborazioni, nel 1998 dà vita, insieme sa Pino Iodice, Gianluca Renzi e Pietro Iodice, all’Aldo Bassi Quartet. Il progetto muove dall’intento di produrre esclusivamente materiale originale. E l’assoluta assenza, in un tracklist, di standards, di questi tempi, per il jazz italiano sembra essere una novità. Muah! È il loro secondo album, assolutamente dominato da un brano, I sogni che, dove si può realmente godere di un suono di sordina semplicemente perfetto. Paradossalmente la musica proposta non regala nulla di particolarmente innovativo, ma la gioia impressa prima nelle note e poi trasmessa da questo quartetto è senza dubbio genuina (ascoltate come i musicisti giocano con i cambi di tempo in For 3 Blues), e non potrebbe essere altrimenti, quando la tecnica è supportata e alimentata dalla voglia di divertirsi. Non esistono trucchi. Le sensazioni in musica, inevitabilmente, traspaiono.

Contacts

Aldo Bassi
aldotrp@gmail.com
+39 339 1008446
Ufficio Stampa/Press
Cristiana Piraino
cristiana.piraino@gmail.com
+39 338 4772469
Link
Facebook www.facebook.com/AldoBassiJazz
Youtube www.youtube.com/aldobassi2008
Flickr www.flickr.com/aldobassi
iTunes itunes.com/aldo-bassi-quartet
Lulu www.lulu.com/spotlight/aldobassi